Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog

Sicilia Libera e Indipendente

Benvenuti nel mio Blog


Campania: una regione condannata a morte.

Pubblicato da nicola costanzo su 19 Novembre 2013, 22:55pm

Tags: #usa, #tetraclorene, #rifiuti, #incidenza, #contaminazione, #camorra, #malattie, #patologia, #marina, #acqua, #falde, #napoli, #campania, #tumori

Adesso che sono emersi i risultati, di uno studio sanitario commissionato dalla Marina statunitense distaccata a Napoli e realizzata nello corso del 2008.
Dalle analisi è emerso che in 130 abitazioni, sparse su un’area di circa 400 miglia quadrate, nelle province di Napoli e Caserta, 40 hanno presentato su di esse un rischio “inaccettabile” espresso da una alta concentrazione di componenti chimiche volatili.
Queste sostanze, tra cui il tetracloroetene, evaporano a temperatura ambiente, penetrando all'interno delle abitazioni attraverso l’acqua contaminata e così possono venire assorbite dall’uomo, sia bevendola, ma anche per inalazione o per via cutanea.
Le analisi hanno evidenziato anche la presenza di arsenico con percentuali che superando di 180 volte i livelli di limite. 
Le nostre amministrazioni ed anche le autorità sanitarie italiane, stranamente non sembrano avere ben compreso cosa sta accadendo in quella regione, anzi sembrano disinteressati...
Al contrario invece, la marina americana, ha preso seriamente i risultati e al contrario dei nostri, ha deciso di avviare ulteriori analisi, giungendo a risultati, purtroppo peggiori dei primi.
Erano già uscite notizie nel 2004 dove si parlava di una altissima incidenza di tumori nella cosiddetta area della morte, causati dalle tantissime discariche illegali di rifiuti tossici scaricati in quest'area.
I pericoli per la salute umana, determinati dalla concentrazione dei composti chimici, sono potenzialmente molto elevati e vanno da un banale giramento di testa al danneggiamento dei tessuti epatici, renali e del sistema nervoso centrale, fino alla compromissione del sistema immunitario, alle malformazioni fetali, al rischio di patologie tumorali.
E' cosa dire dei pentiti del clan dei casalesi che nelle loro dichiarazioni avevano fatto emergere la devastazione realizzata in tanti anni grazie a quella totale negligenza svolta da parte degli uomini dello Stato.
Adesso finalmente anche i cittadini hanno iniziato a prendere coscienza e iniziano finalmente a protestare ed a farsi sentire...
Chissà forse e tardi per rimediare al genocidio che da qui, ai prossimi venti anni, potrebbe succedere-
Un'avvelenamento realizzato dalla camorra con il benestare di quegli uomini dello Stato che avrebbero dovuto controllare, di quanti cioè che grazie al loro disinteresse, hanno permesso che quanto ciò accadesse...
Ora, come sempre nel nostro paese, tutti a gridare allo scandalo, dimenticando gli anni in cui i cassonetti della spazzatura andavano in fumo o quando nelle campagne si trovavano le carcasse di animali morti senza alcuna spiegazione, ma soprattutto ciò che è stato grave è il non aver tenuto conto dell'aumento dei decessi per tumore, che in questi anni sono stati sono andati sempre più aumentando..., a differenza di quanto ancora va dichiarando il nostro ministro e cioè che sembra, non ci sia una correlazione tra i rifiuti e l'aumento delle patologie tumorali in Campania e che non è vero che i tumori in Campania sono in crescita.
Sembra ripetersi, la stessa storia per quanto accaduto a Taranto per l'Ilva, dove secondo l'ex ministro... l'aumento delle patologie tumorali era causato dalle troppe sigarette vendute negli anni attraverso il mercato nero...
Ora speriamo di non dover contare i morti, di non dover assistere inermi ai crimini commessi nel nostro paese da quel gruppo di persone, che solo e soltanto per il vile denaro, hanno saputo inquinare la loro terra...
Gente, che ha venduto il futuro dei loro figli (di cui ammetto onestamente, che non me ne può fregar di meno...), ma soprattutto hanno distrutto la vita di tanti innocenti, che oggi, a causa loro, sono costretti a convivere gli anni a venire purtroppo, con questa spada di Damocle sulla testa...

Archivi blog

Post recenti